Cipro ordina agli ISP di bloccare 270 domini di gioco d'azzardo online

La National Betting Authority (NBA) di Cipro ha rilasciato una lista nera di circa 270 siti d'azzardo online ai fornitori di servizi (ISP) ai quali è stato imposto il blocco. La NBA ha dato 72 ore di preavviso agli ISP per bloccare tutti i siti che offrono ai giocatori ciprioti servizi senza licenza o ammende di € 30.000. Lo scorso luglio, i politici ciprioti hanno approvato una legge di blocco di qualsiasi forma di gioco d'azzardo online diversa dalle scommesse sportive, dalle lotterie online e dai giochi di keno forniti dalla società greca OPAP. Anche prima che venisse approvata, la normativa ha suscitato un'ondata di violenza contro i negozi OPAP da parte degli operatori concorrenti che offrivano scommesse online tramite i loro negozi. La normativa vieta anche le betting exchanges, costringendo Betfair a ritirarsi dal mercato da cui ha guadagnato circa il 4% dei suoi ricavi totali.

Blocco dei Casinò online per Cipro La lista nera è dominata da nomi di operatori familiari paneuropei come Bwin.party, che rappresentava 22 dei 270 domini. PokerStars aveva 11 domini sulla lista. Betfair anche fatto una lista contraria, nonostante il voto del nuovo CEO Breon Corcoran ha riportato l'attenzione della società nei mercati in cui è stata innegabilmente benvenuta.

William Hill ha detto a GamblingCompliance di aver chiuso le sue scommesse cipriote "un paio di mesi fa" e non aveva mai offerto casino online o poker ai ciprioti, ma Hills era pesente nella lista accanto a nomi meno noti con sede al di fuori dell'Unione europea, come la licenza Curacao King Solomons Casino. Bet365 e Sportingbet non erano sulla lista, a quanto pare dopo aver fatto un lavoro stellare di limitazione dell'accesso ai ciprioti sul solco della legislazione della scorsa estate.

Gli scommettitori hanno già segnalato i loro siti di gioco preferiti essendo sostituiti da avvisi che la NBA era delusa da loro nel cercare di accedere a siti proibiti. Gli operatori hanno scritto lettere di parole forti a Bruxelles affermando che Cipro ha perso la ragione, o almeno il precedente giuridico per giustificare il loro collaudo ISP. In risposta, la NBA ha gentilmente reso noto che l'elenco che hanno consegnato agli ISP "non è esaustivo" e se necessario verrà aggiornato.

Cipro è in preda ad una elezione generale, con un ballottaggio fissato per il 24 Febbraio dopo che lo scrutinio del 17 febbraio non è riuscito a dare un vincitore. In un dibattito televisivo del mese scorso, i due contendenti presidenziali rimasti hanno offerto ognono il proprio sostegno per l'approvazione del casino per contribuire a rafforzare l'economia in frantumi della nazione isolana. Cipro ha consegnato le sue prime due ufficiali licenze per scommesse sportive il mese scorso alla Intralot subsidiary Royal Highgate e alla Stanleybet di Liverpool, ma i casino tradizionali restano illegali sotto la stessa normativa che vietava il gioco d'azzardo online rispetto alle scommesse sportive della scorsa estate. Gli osservatori dicono che la legislazione dei casino potrebbe arrivare entro un anno dopo le elezioni. Cipro ha anche ritardato l'accettazione delle licenze sulle scommesse sportive online finchè non verrà deciso l'esito delle elezioni.