Gli Stati Uniti scommettono sul gioco d'azzardo online

Nevada è stato il primo stato a legalizzare il poker online all'inizio di quest'anno, ma il New Jersey è pronto a creare un jackpot più grande da quando i 12 casinò di Atlantic City offrono un intero menù di giochi da tavolo online legali, assieme agli slot che arriveranno in autunno. Nel frattempo, tre casinò del Delaware inizieranno ad offrire vincite in denaro per le slot online, poker, blackjack e roulette per la fine di ottobre.

I tre stati stanno cercando di capire chi può sfruttare meglio questa nuova frontiera del gioco d'azzardo e il reddito di gioco. Tutti e tre consentiranno a chiunque entro i loro confini di utilizzare i loro computer per giocare online su siti web autorizzati dallo stato.

E non dimenticate gli smartphone. I giocatori d'azzardo del Nevada possono già utilizzare i loro cellulari per giocare al poker online, i giocatori di Atlantic City potranno scommettere sui loro giochi in questo sistema alla fine di quest'anno. Il Delaware dovrà aspettare fino al 2014 per utilizzare i telefoni nelle scommesse.

Le stime variano notevolmente su quante scommesse online ci saranno e su quanti soldi gli stati potrebbero raccogliere legalizzandole e tassandole. Facendo quattro conti, gli americani hanno speso 2,6 miliardi di dollari sui siti web di gioco d'azzardo illegali offshore nel 2012, secondo una ricerca condotta da H2 Gambling Capital, una società di ricerche sul gioco d'azzardo che ha esaminato la questione per il Gaming Association.

L' importo dimostra che la raccolta dipenderà da come queste operazioni sono tassate e regolamentate, e ognuno ha un piano diverso.

casinò online Stati Uniti- Il governatore del New Jersey Chris Christie ha stimato che il primo anno potrebbe portare allo stato fino a $ 180 milioni di gettito fiscale; altre stime partono da $ 35 milioni nel corso del primo anno.

- In Nevada, le stime variano da quasi $ 3 milioni di entrate fiscali di un anno se il poker online viene mantenuto all'interno di Nevada come è attualmente, a più di $ 50 milioni se la situazione si espande al di fuori dei confini.

- Il Delaware ha stabilito che potrebbe raccogliere fino a $ 3,75 milioni nel primo anno di gioco d'azzardo online.

" Il New Jersey è davvero sul punto di sfondare in un settore nuovo", ha dichiarato Israele Posner, direttore esecutivo del Lloyd D. Levenson Institute of Gaming, Hospitality and Tourism presso il Richard Stockton College of New Jersey. La legge sul gioco d'azzardo online del Nevada è troppo limitata, ha detto, e il mercato del Delaware è troppo piccolo. 

Questi stati hanno legalizzato le scommesse online dopo che il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha invertito il divieto di gioco d'azzardo su Internet nel dicembre 2011. Diversi altri Stati, tra cui la California, l'Illinois, l'Iowa, il Massachusetts e il Texas, hanno preso in considerazione alcune proposte relative al gioco d'azzardo online di quest'anno, ma nessuno lo ha legalizzato.

Dal momento che gli stati guardano al mondo delle scommesse on-line per le entrate, i critici temono che il gioco d'azzardo porterà più mali sociali, tra cui più persone dedite di gioco.

Keith S. Whyte, direttore esecutivo del National Council on Problem Gambling, ha detto che gli stati si stanno già sforzando di gestire il costo sociale annuo stimato in $ 7 miliardi per la dipendenza da gioco, il fallimento e la criminalità. Ha inoltre detto che tutti questi problemi potrebbero essere esacerbati dal gioco d'azzardo online legalizzato senza adeguate tutele dei consumatori e fondi in più per aiutare le persone con problemi di gioco d'azzardo.

Ha detto Whyte che circa 9 milioni di americani adulti ha problemi con il gioco d'azzardo così come circa 500.000 adolescenti di età compresa tra i 12 e i 17 anni.

IL POKER ONLINE IN NEVADA

I giocatori d'azzardo del Nevada stanno già giocando a poker online per soldi, ma solo due società di gioco lo consentono finora. I Station Casinos hanno spianato Ultimate Poker alla fine di aprile e sono prossimi a consentire la 20 milionesima mano del poker online legale. Caesars Interactive la scorsa settimana ha lanciato il sito web World Series of Poker.

I tre casinò del Delaware a fine agosto hanno aperto portali web su Facebook e offrono slot, poker, blackjack e roulette, ma non danno denaro ai vincitori. Lo stato ha detto che questo "gioco libero è un preludio alla partenza dei primi sistemi di stato autorizzati di gioco online nel paese", pronti per essere lanciati dal 31 ottobre.

Una volta che il gioco online del Delaware entrerà nel vivo, i giocatori potranno visitare direttamente questi siti. Prima, però, dovranno superare delle verifiche per garantire che siano maggiorenni e che siano fisicamente all'interno dei confini dello stato quando giocano. 
Il Segretario alle Finanze del Delaware Thomas J. Cook ha definito questo libero gioco "molto popolare".
 

ATLANTIC CITY SI PREPARA PER IL 26 NOVEMBRE

La posta in gioco dovrebbe essere molto alta nel New Jersey, dove tutti i 12 casinò di Atlantic City hanno già collaborato con società di gioco su Internet per aiutarli a offrire il gioco d'azzardo online questo autunno.

Tropicana Atlantic City, per esempio, ha annunciato nel mese di agosto che sta lavorando con Gamesys, che nel 2012 è diventata la prima azienda che offre giochi in cui è possibile scommettere denaro vero sulla piattaforma Facebook nel Regno Unito. 

Nel frattempo, il Resorts Casino Hotel di Atlantic City ha detto a luglio che ha unito le forze con PokerStars, il più grande sito di poker al mondo. Neofita del settore, il Resorts Casino Hotel è stato il primo casinò ad aprire al di fuori del Nevada il 26 maggio 1978.

Lisa Spengler, portavoce del New Jersey Division of Gaming Enforcement, ha detto che lo Stato deve approvare questi accordi tra i casinò e i partner di gioco su Internet. Ha rifiutato di dire quanti stati hanno già approvato, dicendo che le informazioni saranno disponibili vicino alla "data d'inizio". 

Il New Jersey non ha programmato una data di lancio, ma il termine di legge è fissato per il 26 novembre. 

GUARDANDO I "PATTI"

I tre stati programmano di stringere dei "patti" con gli altri stati che hanno approvato il gioco d'azzardo online in modo che gli scommettitori possano giocare anche fuori dai confini di stato. I patti determineranno come gli stati si suddivideranno i ricavi.

"Non posso entrare in nessun patto o accordo con altri stati fino a che il Control Board Gaming e la Gaming Commission non adotteranno regolamenti per permettermi di farlo" ha detto all'inizio di questo mese il Governatore del Nevada Brian Sandoval su VegasInc.com, un sito di notizie di Las Vegas. Sandoval ha detto che il Nevada ha avuto dei colloqui preliminari con altri stati "ma non c'è niente che io possa fare fino all'adozione dei regolamenti, che da quello che ho capito dovrebbe avvenire il prossimo mese". 

Spengler nel New Jersey ha detto che gli accordi reciproci saranno affrontati in futuro, quando il gioco d'azzardo online diventerà attivo e funzionante.

Allo stesso modo nel Delaware, Cook, il Ministro delle Finanze, ha dichiarato che lo stato esaminerà i patti con altri Stati nel 2014.

 

LA FONTE CHIAVE DEL FATTURATO DEL GIOCO D'AZZARDO

Il reddito di gioco è una fonte di reddito per tutti gli stati tranne che per le Hawaii e lo Utah che non consentono casinò o lotterie. Il primo gioco d'azzardo legalizzato negli Stati Uniti ha preso inizio nei deserti del Nevada e sulle passerelle del Jersey, ma poi la concorrenza ha intralciato questi due stati.

Come Stateline ha riportato, per il quarto anno consecutivo il Nevada ha raccolto la seconda quantità più elevata del gettito fiscale dai casinò nel 2012, quasi $ 869 milioni, dopo la Pennsylvania che ha fatto $ 1,4 miliardi, secondo l'ultimo rapporto dell'American Gaming Association ( AGA ), un gruppo commerciale che rappresenta l'industria del casinò. 

Il New Jersey ha assistito al calo più repentino nelle entrate fiscali dello scorso anno al 8,2%. Ha raccolto $ 255 milioni, in calo rispetto ai $ 278 milioni del 2011. Il Delaware, secondo l'AGA, è sceso a $ 217 milioni nel 2012, una diminuzione del 5,5% rispetto ai $ 230 milioni dell'anno precedente. 

L' importo dimostra che la raccolta dipenderà da come queste operazioni sono tassate e regolamentate. Finora i tre stati che lo hanno approvato hanno tattiche diverse: 

- Il Nevada applica lo stesso tasso del 6,75% delle imposte sul gioco via Internet, come fa per gli altri ricavi lordi provenienti dal gioco. 

- Il New Jersey prevede di tassare il gioco d'azzardo su Internet al 15%, rispetto alla tassa dell'8% sul reddito di gioco lordo proveniente dal casinò. 

- Nel Delaware, dopo che tutte le spese sono state condivise e pagate, i ricavi delle slot online saranno divise con un 43,5% che va allo Stato, un 10 % agli allevatori di cavalli e il 46,5% ai casinò. La distribuzione dei giochi da tavolo online è lo stesso a terra, con i casinò che prendono il 66,1%, lo stato che prende un 29,4% e il 4,5% che va agli allevatori di cavalli. 

Questi approcci diversi sono una delle ragioni per cui l'AGA e gli altri stanno sollecitando il Congresso ad approvare una legge federale. "Gli americani rappresentano quasi il 10% del mercato globale del gioco online in un momento in cui l' attività è illegale in presente dappertutto tranne che nei tre stati americani", ha detto Geoff Freeman, presidente del gruppo, in una dichiarazione. "è passato il tempo per i politici di mettere in atto le necessarie salvaguardie".

Gli sforzi per legalizzare il poker online rimangono in stallo a Capitol Hill.